BASSANO DEL GRAPPA - MONUMENTI BASSANESI - IL MONUMENTO AD UMBERTO I° RE D'ITALIA

MONUMENTO A UMBERTO I RE D’ITALIA

Via Matteotti, sul muro di cinta dell’ex-Palazzo Pretorio

di Vasco Bordignon 

BASSANO_-_001_-_540x__-_MONUMENTO_-_09-02-15_-CIMG6319

Il 29 luglio 1900 a Monza viene assassinato dall’anarchico Bresci il re Umberto I. Il fatto suscitò ovunque grande commozione. Così anche a Bassano. Il giorno successivo al tragico evento, il 30 luglio, il Consiglio Comunale, in seduta straordinaria, deliberò di intitolare con il nome venerato di Umberto I l’attuale contrada Palazzo” (oggi via Matteotti). Contemporaneamente un gruppo di cittadini profondamente monarchici avevano eletto un Comitato per le onoranze da tributare al sovrano scomparso e tra queste la realizzazione di un busto del re da esporsi in luogo pubblico. La spesa sarebbe stata sostenuta da una pubblica sottoscrizione. Una commissione tecnica composta da artisti bassanesi approvò successivamente il bozzetto presentato da un giovane neodiplomato all’Accademia delle Belle Arti,  lo scultore Emerico Caldana di Vicenza, il quale per 1500 lire stipulò il contratto di esecuzione e di consegna entro il mese di giugno del 1901 del monumento così descritto “composto di una piastra ornamentale in marmo di Chiampo della lunghezza di metri tre e di larghezza proporzionata con fregi e lavori e da essa si stacca il busto del Re in bronzo dell’altezza di 75 centimetri poggiato sopra un capitello del rinascimento”.

BASSANO_-_002_-_540x_-_MONUMENTO_-_09-02-15_-CIMG6320

BASSANO_-_004-_540x_-_MONUMENTO_-_09-02-15_-CIMG6322

BASSANO_-_005_640x_-_MONUMENTO_-_09-02-15_-CIMG6324

Il Comitato poi si rivolse al Consiglio Comunale per l’accettazione del monumento e per assumersi la spesa della posa in opera da eseguirsi in via Umberto I nel muro del Palazzo Pretorio, ritenuto il posto più adatto sia dal Comitato che dalla Commissione degli artisti.

La proposta fu accettata e nell’anniversario dell’assassinio del re, il 29 luglio 1901, con grande solennità e partecipazione popolare, il busto del Re trovò collocazione dove oggi si trova.

Sottostante nel sostegno a capitello con volute spicca la dedica: AD UMBERTO I/IL BUONO/ I BASSANESI/ XXIX LUGLIO MCMI.

L’opera del Caldana, che era la prima destinata a un luogo pubblico, fu giudicata “egregiamente riuscita” , “immagine veramente bella, artistica e somigliante”.

Fonti documentali

Remonato Ruggero. Spigolature Bassanesi. A spasso per la città di ieri e di oggi. Editrice Artistica Bassano, Bassano del Grappa, 2010

Vinco da Sesso Giovanni. Monumento a Umberto I re d’Italia. In: Associazione Amici dei Musei e dei Monumenti di Bassano del Grappa, Notiziario dell’Associazione, dicembre 2007.