ROMANO D'EZZELINO - LA CHIESA ARCIPRETALE - LA CAPPELLA INVERNALE

LA CAPPELLA INVERNALE


DELLA CHIESA ARCIPRETALE


DI ROMANO D'EZZELINO


di Vasco Bordignon


01_-_romano_ok_-_740vecchia038

Si era reso evidente già a partire dal 1867 che la Chiesa che si trovava sul Colle (vedi immagine sopra) aveva bisogno di un ampliamento e di una profonda ristrutturazione. Fatte tutte le valutazioni per questo progetto, fu deciso di realizzare un nuovo tempio (l'attuale chiesa arcipretale), non nello stesso luogo, ma in pianura dove la popolazione negli anni continuava ad aumentare.


_001_-_740x_-_CIMG6832_-_INSIEME_-_


In questa chiesa arcipretale, come già scritto, vi è la cappella invernale dove si può ammirare un altare (vedi immagine sopra) che rappresenta un bell'esempio di barocco locale ascrivibile alla fine del '600 o ai primi del '700. Originariamente, probabilmente, era dedicato alla Madonna del Rosario, come vedremo dal corredo marmoreo attorno a quella che doveva essere una piccola pala ad essa dedicata, al posto dell'attuale lastra marmorea con il Crocefisso.


_002_-_740x_-_laltare_nel_suo_complesso_-_CIMG6833

_003_-_740_x_insieme__delle_decorazione__altare_-_DSC_0024_TUTTO_-_

I marmi sono vere pietre e anche i tondi del Rosario sono opera rara di intarsio lapideo (detta anche glittica) di buona e accurata fattura.


_004_-_740x_-_paliotto_altare_-_CIMG6829_PALIOTTO_ALTARE_-_

_005_-_840x_-_parte_centrale_del_paliotto_-_CIMG6831-_PALIOTTO_-_

_006_-_840x_-_dettaglio_della_Madonna_-_CIMG6830_DETTAGLIO_PALIOTTO_-_

Anche il paliotto dell'altare, assai poco visibile, entrando, per la presenza dell'altare rivolto verso i fedeli, è di grande perizia e bellezza.


_008_-_740x_-_quadro_della_epresentazioone_-ROMANO_DEZZELINO_-_CAPPELLA_LATERALE_-CIMG6478

_007_-_740x_-_quadro_dei_santi_-_ROMANO_DEZZELINO_-_CAPPELLA_LATERALE_-CIMG6477

Alla parete sud e alla parete ovest di questa cappella vi sono due riproduzioni forografiche su finta tela che rappresentano rispettivamente la Circoncisione o Presentazione di Gesù al Tempio e la Conversazione tra i santi Antonio abate, Prosdocimo, Lorenzo, Giorgio e Vito. Gli originali dovrebbero essere entrambi di ambito bassanesco.

Fonti documentali: vedi quella de  "La chiesa arcipretale"