GUERRA 1915-18 - NE UCCISE PIU' LA FAME (2014)

NE UCCISE PIÙ LA FAME

La Grande Guerra della gente comune nel Triveneto

di Francesco Jori

Edizioni Biblioteca dell’Immagine, Pordenone, 2014, pp  253, EURO 14,00

 

 

Prima Guerra Mondiale

Ne uccise più la fame narra una Prima Guerra Mondiale “inedita”, poco raccontata dalla storiografia ufficiale, raramente approfondita negli studi.

Il libro ripercorre gli anni di guerra vissuti dai civili nelle retrovie delle città, dei piccoli villaggi, dove non giunsero direttamente gli orrori delle trincee, ma il vuoto e la paura lasciati da centinaia di migliaia di giovani partiti al massacro, la fame esplosa dai campi abbandonati, il terrore di madri, padri, nonni, fratelli, centinaia di migliaia di famiglie, che sapevano che nulla sarebbe stato mai più come prima, in questa parte d’Italia.

Un libro dedicato ai dimenticati di una guerra che di eroico ha avutounicamente la capacità di sopravvivenza.

“Ne ha ammazzatiu più la fame che le pallottole” dicevano nel 1915-18, nelle retrovie.

Questo racconta Francesco Jori nelle pagine del libro.

libro_-_ne_uccise_piu_la_fame977

libro_-_ne_uccise_piu_la_fame_978



























Indice

 

Presentazione di Alberto Monticone, pag. 7

Introduzione – La strada della fan, pag. 11

La fame – Elo stanot che moròn de fan?, pag. 15

L’inizio – Edd’io col cuore straziato, pag. 25

La vita nelle città – E’ l’immagine di una rovina, pag. 37

La vita nei paesi  - Un ano soto il barbaro nemico, pag. 55

Le bombe – Il popolo maledetto da Dio, pag. 71

I profughi – E molti come i martiri morire, pag. 83

Il dopo Caporetto – E mi svegliai tedesco, pag. 103

Le donne – Che io sia il cane di tutti…, pag.117

I bambini – Uccellini sbattuti dalla tempesta, pag. 137

I preti – Ma Egli più non risponde, pag. 155

I soldati – Da per tutto si pesta nella merda, pag. 175

La sanità – Un gregge da maciullare, pag. 197

La fine – Il vecchio piangeva di gioia, pag. 213

E dopo… - Polenta e non ciance, pag. 225

 

Indice dei luoghi, pag. 240

Indice dei nomi, pag. 244

Bibliografia, pag. 249

Siti Internet, pag. 252