NOGARI GIUSEPPE - PITTORE - 1699-1766 - OPERE IN BASSANO

GIUSEPPE NOGARI - PITTORE - OPERE IN BASSANO


Giuseppe Nogari è soprattutto noto per i suoi ritratti sia a mezzo busto che a figura intera, rappresentanti soggetti di natura religiosa e storica, caratterizzati da buona espressività, dipinti a tinte tenui su fondo scuro. Spesso i personaggi rappresentati sono donne anziane o persone vestite miseramente.


1699  

Nasce a Venezia

 

1726

Da questa data entra a far parte della Corporazione veneziana dei pittori, ed ottiene commissioni dal Marchese Ottavio Casnedi, che per primo, notandone le capacità, inizia a richiedergli dipinti di mezze figure.

 

1730

Diventato noto pittore, vari collezionisti tedeschi acquistano parecchie sue opere soprattutto di tema religioso, ma di queste opere non rimane traccia.

 

1739 - 1742

Lavora per la Casa Savoia a Torino eseguendo quattro Teste e realizza la decorazione del Palazzo Reale di Torino con allegorie di celebrazione dei committenti, ora in parte poste nel padiglione di caccia di Stupinigi.

 

1743

Ritorna a Venezia. Lavora per Francesco Algarotti, per Federico Augusto II, elettore di Sassonia (dipinge tre Teste e due Filosofi ) e per il console britannico a Venezia, Joseph Smith (due Teste e sette Ritratti di Artisti).

 

1753-1754

Nogari dipinge delle pale d'altare per le chiese venete, sicuramente a Bassano la tela della Annunziazione per la Chiesa dell’Annunziata (a sx)  e “La consegna delle chiavi a San Pietro nella Chiesa di Santa Maria in Colle (a dx)

BIOGRAFIA_NODARI_CH-ANNUNZIATA BIOGRAFIA_NOGARI_-S.MARIA_INCOLLE


1755

Nella Chiesa di S. Maria Gloriosa dei Frari a Venezia troviamo la pala d’altare con “I miracoli del beato Giuseppe da Copertino

 

1756

E’ tra i fondatori dell’Accademia di belle arti di Venezia.

 

1758

Esegue il “Ritratto del procuratore Alessandro Zen” dell’Accademia dei Concordi di Rovigo


1762

Esegue il “Ritratto di Giovanni Leoni” e il “Ritratto del doge Marco Foscarini”. Lo sappiamo, anche se la tela  è perduta, in quanto l’effige del Doge si conserva in una incisione di Giovanni Volpato tratta da una tela del Nogari.

 

1762-1763

E’ presidente dell’Accademia

 

1766, 3 giugno

Muore a Venezia secondo il seguente atto di morte:”3 giugno 1763: il Sign. Giuseppe Nogari q.m. Zuanne d’anni 62 da molti mesi da cachessia con estinzione di voce e febre e cataro soffocativo mesi die morto all’ore 23 S.Stin”.


Fonti

www.wikipedia.org

www.treccani.it