VENETO - IL SUD DEL NORD - IL TRIVENETO 1866-1922 (2012)

 

IL SUD DEL NORD

 

IL TRIVENETO 1866-1922


di

Francesco Jori

Edizioni Biblioteca dell'Immagine, Pordenone, 2012, euro 14,00

L'alba del Triveneto

Lo chiamavano "li Sud del Nord". Un secolo e mezzo fa, quando entrava a far parte dell'Italia unita, il Veneto (che all'epoca comprendeva anche il Friuli) si vedeva classificato con questa eloquente etichetta: ispirata dalla devastante miseria che lo affliggeva. Non a caso proprio qui è sorto il primo pellagrosario italiano, per curare una malattia provocata da un'alimentazione povera e squilibrata, dove la polenta era spesso piatto pressoché unico. E non a caso da qui si è innescata nell'ultimo scorcio dell'Ottocento una colossale ondata migratoria che ha portato centinaia di migliaia di persone a cercare in tutto il mondo, dall' America all'Australia, una speranza di vita. Eppure, proprio in una terra così segnata dalla durezza del vivere c'erano già i germi di quella capacità di iniziativa e di quella vera e propria cultura del lavoro che nel secondo dopoguerra avrebbero determinato la nascita e l'affermazione di un modello di sviluppo destinato a diventare materia di studio anche all'estero. Questo libro cerca di mettere in luce il dna profondo dell'odierno "miracolo del Nordest" attraverso le cronache di vita quotidiana di una terra rimasta a lungo "Sud del Nord" , devastata dalla Grande Guerra proprio quando stava decollando, eppure di nuovo capace di ripartire. Lo fa attraverso figure di imprenditori, di finanzieri, di preti, di contadini; di "uomini della strada" nei cui confronti nutriamo un debito di riconoscenza.

LIBRO__IL_SUD_DEL_NORD_-_0K_588

 

 

Introduzione di Giorgio Roverato, pag. 7

Presentazione di Francesco Jori, pag. 11

I. "Morirono disperati e pazzi" , pag.15

La stagione della miseria e della pellagra

II. "Con noi il paese risorge", pag.31

Il decollo dell'industria e i capitani d'impresa

III. "Circa cento non fanno Pasqua", pag.47

Il prete custode della fede e non soltanto

IV. "Porca Italia, 'ndemo via", pag.63

L'epopea della grande emigrazione di massa

V. "Come le macchine considerati", pag.79

Tra decollo economico e aspre lotte operaie

VI. "Un immenso castello fiabesco", pag.95

Il fiorire delle città e la scoperta del turismo

 VII. "Mi scrivo par le stàle", pag.111

 La chiesa veneta tra un papa e un contadino

 VIII. “Evitate questo macello”, pag.127

 Dalla dolce vita all’abisso della guerra

 IX. “Con sicura fede nella vittoria”, pag.143

 La Grande Guerra tra proclami e sofferenze

 X. “E il mio ben torni al paìs”, pag.159

 Di qua e di là del Piave, aspettando la fine

 XI. “Addio a tutti i nostri ieri”, pag.177

 L’illusione di una pace svanita in fretta

 Indice dei nomi, pag. 193

 Bibliografia, pag 199