MUSSOLENTE - VIVERE A MUSSOLENTE A FINE SECOLO XVI (2013)

 

VIVERE A MUSSOLENTE A FINE SECOLO XVI 


Testimonianze dai processi dell'Inquisizione


musollente_-_inquisizion097

testo di Stefano Zulian 

Postfazione di Gabriele Farronato


" Prè Regoggia noon trovava pace in quel villaggio. Dopo taznto impegnarsi contro la setta di maestro Iseppo da Mussolente ora, nel 1576, erano ricmparse voci e denunce contro altri eretici, stavolta da Casoni. E così di nuovo diligentemente scrisse a Belluno, dove però non trovò l'Inquisitore fra Bonaventura, perché in missione speciale in Polonia dal re Stefano Bathory con il nunzio pontificio. Le sue accorate parole ricvelano stanchezza, ma anche una sin cerea decisione nel combattere quella Idra dalle mille teste che non moriva mai ..."


" Grazie al Progetto avviato dalla Pro Loco per juna ricerca della storia del nostro paese, è sttao realizzato questo sorprendente libro che narra la vita de nostri antenati alla fine del '500. Fra questi, quello che più incuriosisce è certamente prè Lorenzo Busnardo, persdonaggio misterioso, sacerdote di eccelsa cultura, che visse tra i viaggi in Europa e la corte del papa Gregorio XIII."


Questo libro riesce con una discreta forza narrativa a raccontarci quello che succedeva verso la fine del '500 in un piccolo villaggio, qual era allora Mussolente, quando  le nuove idee eretiche provenienti dalla Germania attecchivano in alcuni personaggi del luogo o di altri paesi vicini. Passo passo l'autore ci conduce nei meandri della macchina di indagine e di ricerca della verità anche mediante tortura quale era il tribunale della Inquisizione nella sede vescovile di Belluno. Ciò che a mio parere risulta troppo striminzito è il racconto, la descrizione proprio del "vivere" a Mussolente. Non mi pare, dopo averlo letto, che questi eventi siano stati ben constestualizzati negli altri aspetti, oltre a quello religioso ampiamente descritto,  cioè quelli della vita economica e sociale di quel periodo.(VB)