BASSANO DEL GRAPPA - MONUMENTI BASSANESI - LA FONTANA "BONAGURO"

LA FONTANA DI PIAZZA GARIBALDI detta FONTANA BONAGURO

 

DSCN0257_-_insieme_-_ok

 

 DSCN7708_-_dallalto_della_torre_x_sito_bellissimax_sito 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il 28 novembre 1897 fu celebrato un grande evento : la realizzazione di un acquedotto che partiva dai fontanazzi di Cismon  e arrivava  con la sua preziosa acqua nel centro storico di Bassano. Tale opera progettata dall’ingegner Dilani fu fortemente voluta e anche finanziata dallo stesso sindaco di Bassano, Antonio Giaconi Bonaguro (assai amato dai bassanesi) oltre che dal cavaliere Antonio Negri. L’opera costò 613 mila lire di allora.  In occasione di questa celebrazione fu decisa la costruzione di una fontana da collocarsi al centro della allora Piazza delle Erbe, oggi Piazza Garibaldi.
Questa venne inaugurata con grande risonanza non solo cittadina ma anche del circondario il 9 ottobre 1898.
(Per  assaporare bene questa pagina di storia bassanese è bene leggere il resoconto e i particolari di questa inaugurazione nel libro “prezioso” di Ruggero Remonato)

     DSCN0251_-_cupola_per_sito_ok

 

DSCN0255_-_delfino_per_sito_ok 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

La fontana è alta cinque metri, nove sono i getti d’acqua fuoriuscenti dai quattro delfini, dai quattro mascheroni e dal getto centrale
La struttura è di marmo rosato delle cave di S.Ambrogio Erbezzo di  Verona, le quattro  piccole vasche di rosa corallo, i quattro bacini principali a forma di conchiglia  sono di marmo rosso di Verona, la gradinata principale di granito di Baveno in parte grezzo e in parte levigato. La struttura viene poi arricchita da quattro delfini marini che si incurvano sulla colonna portante dove si trova inciso il nome del donatore. Il tutto poi  incoronato da una elemento a ”pigna” in marmo rosso di Verona con sottostante un elemento a cupola realizzando così un complesso armonioso e assai piacevole.
La progettazione fu dell’ingegnere idraulico architetto Daniele Donghi, la realizzazione marmorea fu eseguita prevalentemente dallo scultore veronese Carlo Spazzi, inizialmente in collaborazione con il fratello Attilio,  la messa in opera fu eseguita dagli ingegneri Milani e Indri

 DSCN0245_-_mascherone_per_sito_ok 

 

 

 

Fonti documentali

Guida di Bassano del Grappa Edizioni Scrimin, Bassano del Grappa, 1981

Ruggero Remonato. Spigolature bassanesi. A spasso per la città di ieri e di oggi. Editrice Artistica Bassano, 2010

Notiziario dell’Associazione Amici dei Musei e dei Monumenti di Bassano del Grappa, dicembre 2007. Susanna Lina Stefani.  Fontana, Piazza Garibaldi, pagg 59-62

Pieri Mario. I marmi d’Italia. Graniti e pietre ornamentali. Hoepli. Milano, 1964.